martedì 20 aprile 2010

Camera 111 - Mi manchi.


Non ci sono altre parole per dirlo: mi manchi.
Sei stata con me in tutti questi anni una preziosa presenza, compagna di luoghi remoti, custode dei miei segreti. T'ho incontrata per caso un giorno, innamorandomi subito delle tue forme e del tuo blu profondo. Scoprii subito dopo che eri anche ricca di contenuti, solida come poche, sicura e fedele.
Certo, abbiamo avuto anche noi i nostri momenti no, le nostre paure. Come quella volta che sparisti per due giorni interi. Ti ritrovai smarrita, ti riportai a casa, felice di essere di nuovo con te.
Te ne sei andata un giorno di primavera, forse stanca di questo mio girovagare, forse stanca di portare tutti i miei pesi. E pensare che il giorno prima eri con me in quel paese lontano. A nulla è servito provare a trattenerti. Il tuo destino era segnato. A nulla serve rivedere le foto di tutti i luoghi visitati insieme, in cui appari quasi per caso, neanche fossi timida.
Passeggiando ieri mi è sembrato di rivederti, in una vetrina dalle mille luci. Quelle stesse luci del nostro primo incontro. Ma non eri tu.
Ho la solita vita normale, non mi manca niente. Ma mi manchi tu, cara vecchia valigia blu.


1 commento: