mercoledì 13 ottobre 2010

Camera 111 - A te che dormi.


Tu che mi dormi accanto e io che veglio. Chissà a cosa stai pensando in questo momento in cui ti trovi una camera che non è la tua. Progetti, ansie, malumori, gioie. Ti scrivo un biglietto.

Fermati solo un attimo, ferma anche tutto ciò che è intorno a te, dedica un minuto solo della tua vita ad ascoltare un suono. Il suono della vita, il battito del tuo cuore.
Ascolta con cura questo suono che ti accompagna da quando sei stata concepita. Non rimandare questo momento. Sembra un suono sempre uguale, scandisce con la stessa nota i tuoi momenti più bui come quelli più belli. E di momenti belli e di successo nei hai avuto. Quei momenti che potresti utilizzare per guardare avanti. Sei stata il volto di un sogno realizzato per alcune persone. Sei stata il volto di un'apparizione per altri. Ma sei stata sempre tu, anche oggi che la tua immagine ti appare meno brillante e ti senti crollare le speranze. Perciò ritrova quel battito che ha segnato i tuoi sentimenti. Tante mete hai raggiunto e tante altre ancora raggiungerai se continuerai a vivere con semplicità. Che significa avere una casa in cui tornare e avere la fortuna di sprofondare lo sguardo negli occhi di qualcuno.
Non avere paura se i lineamenti del viso saranno meno marcati, in netto contrasto con quel tuo temperamento che non ammette altro che bianco o nero. Linee che indosserai con orgoglio, segni dell'esperienza e degli anni vissuti uno per uno fino in fondo. La vita ti ha dato tanto ma ancora tanto ti deve dare. Tu non nascondere entusiamo e gioia di esserci. Continua a rischiare per raggiungere le tue mete. Non nascondere la voglia di parlare, di scambiare qualcosa con te, di vivere. In fondo sarai felice anche solo per averci provato.

Spero tu possa trovarlo tra le carte che porti sempre con te. A te darà una soddisfazione in più, a me il piacere di aver scritto una pagina del tuo diario di viaggio.

2 commenti:

  1. bellissimo, questo tuo post. come gli altri, del resto. ma questo è da me molto sentito..

    RispondiElimina
  2. veramente bellissimo Francesco! sono commossa

    RispondiElimina