mercoledì 12 gennaio 2011

Camera 303 - A chiunque possa interessare.


Si riparte. Avevo chiuso scrivendo "finchè ci sarà una camera dove andare." Ed eccola la nuova, e poi domani. Non so stare fermo ad attendere che le cose accadano. Mi piace muovermi, andare là dove le cose accadono prima. Chi mi conosce da vicino, dice che la mia vita reale nello stile assomigli a quella di un famoso film. So che nella vita ho imparato a muovermi tra camere, corridoi e sale d'attesa. So che c'è differenza tra possibilità e probabilità. So che impiego poco a passare dal pensiero all'azione. Per questo non faccio liste di propositi, ma solo un elenco di cose da fare, da portare a termine. M'impegno fino all'ultima parte di me, rispettando il prossimo, le sue idee, le sue scelte. In una parola, l'alterità. Mi guida sempre il principio del piacere "ho voglia di farlo". Chi mi ha letto dentro dice che ogni tanto mi distacco da me stesso, esco dagli schemi e disorganizzo, vivo seguendo i miei desideri. Amo assumermi rischi ed improvvisare, vado avanti ad ogni costo. Mi piace andare all'essenziale del superfluo. Mi piace immedesimarmi nei luoghi attraversati. Uscire senza meta, sorprendermi a guardare intorno le persone così diverse tra di loro. Ma cosa hanno in comune se non la vita stessa? Dire questa è la mia strada e io ad essa appartengo. Non mi interessano i luoghi, le città, le camere. Mi interessano le persone, le loro storie. Le piccole storie. Piccole, ma decise a trasformare una passeggiata in un incontro. Mi piace il dialogo, quello che mescola pathos e logos affinché risulti sempre chiaro, cristallino, comprensibile anche nei silenzi. Un dialogo fatto a volte di parole affascinanti ed impeccabili, altre volte piccole ma preziose, tutte che permettono di conservare l'emozione. Andare lasciandosi dietro ricordi, rinunciando alla sacro rito della memoria. Dialogare senza avere la rete dei ricordi che imbriglia le parole e trattiene le emozioni. E non è la morte che fa finire il dialogo. La fine è qualcosa che arriva prima.

Nessun commento:

Posta un commento